facebookiso-9001linkedinlogo_oldmarchiopaypal-2paypalpinteresttwitter

La patente di abilitazione all’impiego di Gas Tossici: chi, come, dove, quando e perché?

A me non serve la patente per i gas tossici perché non ho Gas in azienda”.

Non utilizzo i gas tossici, li movimento e basta, quindi non mi serve la patente di abilitazione”.

Queste sono alcune delle tipiche risposte che spesso ci sentiamo dire quando, durante una visita aziendale, facciamo la domanda "chi è in possesso della patente di abilitazione all’impiego dei gas tossici?". Purtroppo, molto spesso – ed erroneamente – si pensa che una sostanza solida non possa rientrare nella normativa “gas tossici”, oppure che solo coloro che utilizzano effettivamente queste sostanze debbano detenere tale patente. Purtroppo non è così, e per questo abbiamo deciso di fare un po’ di luce a riguardo.

 

PATENTE GAS TOSSICI: CHI?

Tutti gli operatori che effettuano operazioni di custodia, conservazione ed utilizzo di gas tossici devono essere in possesso della patente di abilitazione. Ne deriva che qualunque azienda che gestisca gas tossici deve avvalersi, per le operazioni connesse alla manipolazione del gas, di personale patentato. Il rilascio del patentino è subordinato, oltre che al possesso di idoneità fisica, psichica e morale, al superamento di un esame per l’ottenimento del certificato di idoneità.

Attenzione: l’obbligo di impiegare personale patentato presso aziende in cui si utilizzano o detengono gas tossici vale a prescindere dal fatto che tali aziende siano soggette o meno agli obblighi di autorizzazione alla custodia o all’utilizzo dei gas.

 

PATENTE GAS TOSSICI: COME?

La patente di abilitazione la si ottiene a seguito del superamento di un esame scritto e/o orale. Tale esame concerne non solamente gli argomenti legati al tema della messa in sicurezza dei Gas Tossici, ma anche le loro proprietà chimico fisiche, le proprietà tossicologiche e gli interventi di emergenza e primo soccorso. È inoltre richiesta la conoscenza della normativa applicabile.

Attenzione: per ogni tipologia di gas viene richiesta un’idonea specificazione (tradotto: durante gli esami si verrà interrogati per ogni tipologia di gas richiesto).

 

PATENTE GAS TOSSICI: DOVE?

Gli esami per il conseguimento di questa patente abilitante si svolgono presso le ASL Provinciali o presso Commissioni Regionali ove il richiedente ha la residenza.

 

PATENTE GAS TOSSICI: QUANDO?

Sono previste solo 2 sessioni annuali. Gli esami vengono solitamente ripetuti nel periodo primaverile ed autunnale, ma le date non sono stabilite e tantomeno fisse.

Infatti, è compito di ogni Commissione organizzare le date e raccogliere le adesioni, al fine di incaricare e coordinare il comitato scientifico che scrutinerà i candidati all’esame.

 

PATENTE GAS TOSSICI: PERCHE'?

I gas tossici, per definizione, sono sostanze che possono ledere la sicurezza e l’incolumità pubblica, nonché provocare danni all’ambiente. L’obbligo del c.d. patentino gas tossici nasce quindi con lo scopo di assicurarsi che colui che manipola i gas tossici sia consapevole dei rischi connessi e assuma quindi un comportamento adeguato durante l’utilizzo degli stessi. Inoltre, deve essere in grado di gestire correttamente eventuali situazioni di pericolo o di emergenza, intervenendo con professionalità. 

Come possiamo aiutarti?

Formazione

Normachem offre un ampio programma di formazione rivolto alle aziende.

Vedi tutti i corsi

Servizi

Servizi completi per valutare i rischi e massimizzare la sicurezza.

Scopri di più

Contattaci

Scrivici per avere informazioni più approfondite sui nostri servizi, corsi e convegni.

Scrivici
Top