facebookiso-9001linkedinlogo_oldmarchiopaypal-2paypalpinteresttwitter
Sicurezza prodotto

Aggiornamenti sul futuro UK REACH da parte di DEFRA

Qualche anticipazione sul futuro UK REACH

Come ben sappiamo il Regno Unito dal 31 gennaio 2020 non è più uno stato membro dell’Unione Europea, tuttavia fino al 31 dicembre 2020 è in vigore un periodo transitorio durante il quale UK e UE possono negoziare un accordo sulla futura collaborazione e durante il quale le normative pre-Brexit restano totalmente in vigore. Ciò significa che corpi legislativi come i Regolamenti REACH e CLP saranno pienamente applicabili ad aziende UK fino alla fine del periodo transitorio.

E al termine del periodo transitorio cosa succederà?

Potremmo definire questo quesito come la domanda da 1 milione di dollari perchè non vi corrisponde una risposta certa, in quanto bisognerà aspettare il termine dei negoziati. Sbilanciandoci un po' su quanto sta avvenendo possiamo dire che allo stato attuale però sembra molto probabile che non si giungerà ad un accordo fra le parti; di conseguenza il Regno Unito dovrà quindi necessariamente predisporre la propria legislazione per sostituire i vari regolamenti europei che non saranno più applicabili nel suo territorio a partire dal 01 gennaio 2021.

Proprio per permettere al Regno Unito di predisporre e ufficializzare le proprie normative ci si aspetta che i negoziati si concludano al più tardi ad ottobre 2020.

Abbiamo comunque alcune anticipazioni su quello che potrebbe essere il futuro UK REACH, anche se per avere informazioni certe dobbiamo aspettare la sua pubblicazione ufficiale.

In vista della prima data di uscita del Regno Unito il governo May aveva predisposto uno Statutory Instrument (SI) legato all’immissione sul mercato di sostanze chimiche, più volte modificato, ma fermo al 2019. Tale SI dovrà essere necessariamente modificato per poter riflettere gli esiti dei negoziati ancora in corso.

Proprio ad inizio Settembre (01/09/2020) il DEFRA (Department for Environment, Food & Rural Affairs) ha pubblicato una “guida” su quali azioni le aziende britanniche dovranno compiere dopo il 01 gennaio 2021: nella presente news daremo un riassunto di tale guida. Si anticipa che quanto pubblicato dal DEFRA è piuttosto “lontano” dall’impostazione delle Linee Guide ECHA con cui siamo abituati a lavorare e quanto riportato dovrà comunque essere approvato ufficialmente. Se così sarà, lo Statutory Instrument sarà aggiornato con tali indicazioni oltre a quanto emergerà dai negoziati.

Di seguito riportiamo un breve riassunto della guida del DEFRA.

 

Princìpi generali

Il futuro UK REACH manterrà gli stessi principi generali dell’EU REACH, in particolare:

  • il concetto di “no data – no market”;
  • la preferenza a test alternativi rispetto a quelli in vivo;
  • l’accesso delle informazioni ai lavoratori;
  • il principio di precauzione.

Lo UK REACH si applicherà a tutto il Regno Unito. Resta ancora aperto il caso dell’Irlanda del Nord che, salvo future manovre, vedrà applicarsi ancora l’EU REACH anche dopo il 01 gennaio 2020.

 

Aziende UK con registrazione EU REACH

Le registrazioni effettuate ai sensi dell’EU REACH saranno trasferite al nuovo UK REACH mediante un processo denominato “grandfathering”. Il processo, anche se non ancora noto nella sua operatività specifica, sarà automatico; tuttavia le aziende UK in possesso di una registrazione EU REACH dovranno fornire informazioni ad HSE (autorità competente britannica) in due differenti step:

  • 1° STEP: entro il 30/04/2021 fornire informazioni di base (es. identità della sostanza, dati sull’azienda, quantità registrata ed evidenza della registrazione UE);
  • 2° STEP: entro una scadenza definita dalla fascia di tonnellaggio devono essere fornite le informazioni specifiche del dossier di registrazione. Non è ancora noto nei particolari cosa debba essere inviato ma nella guida troviamo la dicitura “The information UK-based holders need to provide will be the same or very close to what holders previously provided

Le scadenze per il secondo step sono le seguenti:

Deadline Post 28
October 2021

Tonnage

Hazardous property

2 years from 28 October 2021

1000 tonnes or more per year

  • carginogenic, mutagenic or toxic for reproduction (CMRs) - 1 tonne or more per year
  • Very toxic to aquatic organisms (acute or chronic) - 100 tonnes or more per year
  • Candidate list substances (as act 27 October 2023)

4 years from 28 October 2021

100 tonnes or more per year

Candidate list substances (as at 27 October 2023)

6 years from 28 October 2021

1 tonne or more per year

 

 

Aziende UK che acquistano da fornitori UE

Fino al termine del periodo transitorio aziende UK che non possiedono una registrazione REACH possono acquistare sostanze direttamente da fornitori UE comportandosi come normali utilizzatori a valle. Dal 01/01/2021 tali aziende, continuando ad acquistare da fornitori UE, si configureranno come importatori ai sensi dello UK REACH e come tali dovranno procedere ad una registrazione.

Anche in questo caso l’invio delle informazioni per la registrazione avviene in due differenti step:

  • 1° STEP: entro il 27 ottobre 2021 l’importatore UK dovrà notificare ad HSE la propria volontà di proseguire con le importazioni. La notifica prende il nome di DUIN (Downstream User Import Notification)
  • 2° STEP: entro una scadenza definita dalla fascia di tonnellaggio (le stesse precedentemente riportate ) deve essere presentato il dossier di registrazione

In alternativa tali aziende possono incoraggiare i fornitori UE a nominare un UK-OR (rappresentante esclusivo nominato ai sensi dello UK REACH) o approvvigionarsi da fornitori UK.

La notifica DIUN può essere inviata solamente se la sostanza che si intende importare è già stata registrata ai sensi dell’EU REACH.

 

Autorizzazione

Tutte le autorizzazioni esistenti che hanno attraversato l'intero processo di autorizzazione (e hanno una data di revisione) saranno riconosciute dallo UK REACH. Ciò significa che le sostanze chimiche possono continuare ad essere utilizzate dalle aziende britanniche che si affidano a tali autorizzazioni. Le nuove domande di autorizzazione e le autorizzazioni in attesa di approvazione da parte di ECHA dovranno essere presentate allo UK REACH.

La guida si conclude con l’anticipazione sul lancio di un servizio online “comply with UK REACH” disponibile dal 01 gennaio 2021 tramite il quale sarà possibile:

  • validare registrazioni EU REACH esistenti (‘Grandfathering’);
  • presentare notifiche per l’importazione (DUIN);
  • presentare nuove registrazioni;
  • presentare nuove notifiche PPORD.

Fonte: Governo Uk

Come possiamo aiutarti?

Formazione

Normachem offre un ampio programma di formazione rivolto alle aziende.

Vedi tutti i corsi

Servizi

Servizi completi per valutare i rischi e massimizzare la sicurezza.

Scopri di più

Contattaci

Scrivici per avere informazioni più approfondite sui nostri servizi, corsi e convegni.

Scrivici
Top