facebookiso-9001linkedinlogo_oldmarchiopaypal-2paypalpinteresttwitter
Sicurezza prodotto

Pubblicazione della “Restrictions Roadmap”

La Commissione Europea ha pubblicato una “Restrictions Roadmap”, documento che propone un prospetto chiaro sulle restrizioni che sono state presentate o saranno presentate nel breve periodo

La Commissione Europea ha lanciato una “Restrictions Roadmap”, un piano operativo al fine di eliminare o limitare l’utilizzo di sostanze tossiche che sono presenti in numerosi prodotti di consumo, come giocattoli, biberon, ciucci per neonati, abbigliamento, mobili, dispositivi elettronici, cosmetici, vernici, prodotti per la pulizia. Si tratta di un processo che porterà gradualmente al bando delle sostanze chimiche più pericolose per la salute e l’ambiente.

La “Restrictions Roadmap” rappresenta un vero e proprio impegno politico che mira a garantire un ambiente privo di sostanze problematiche entro il 2030, attraverso vari passaggi.

Entro questo anno potranno quindi essere messi al bando composti ben noti, come ad esempio:

  • ritardanti di fiamma: sostanze chimiche utilizzate per rendere ignifughi i prodotti e che sono sospettate di essere cancerogene;
  • bisfenoli, ampiamente utilizzati nella plastica ma che colpiscono gli ormoni umani;
  • alcune forme di PVC;
  • la plastica meno riciclabile che contiene grandi quantità di additivi problematici;
  • tutti i composti associabili ai PFAS (PerFluoroAlkylSubstances).

Oltre ad altre circa duemila sostanze chimiche nocive che si trovano nei pannolini, ciucci e prodotti per l’infanzia.

L'implementazione della “Restrictions Roadmap” richiederà l'impegno congiunto degli Stati membri, della Commissione e dell'ECHA (Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA).

La Restrictions Roadmap” prevede una lunga tabella (“Rolling List”), che indica per ciascuna sostanza la scadenza entro cui la stessa verrà messa al bando. La lista delle sostanze che verranno vietate tocca in totale la quota delle 12.000: si tratta in sostanza di prodotti associati a cancro, infertilità e generici effetti sulla salute, tra cui anche la riduzione dell’efficacia dei vaccini.

Questa “Rolling List” sarà la base di un elenco di restrizioni che verranno aggiunte all’allegato XVII del regolamento REACH. Questo percorso si svilupperà in diversi anni. Inoltre, la lista sarà in costante aggiornamento e sarà discussa periodicamente al CARACAL e in linea di principio aggiornata una volta all'anno.

La “Rolling List” è composta da tre gruppi (pools) di sostanze per le quali attualmente si punta verso l'ipotesi normativa di restrizione. Sempre nella lista viene fornita anche una tempistica indicativa, se disponibile.

Secondo il commissario europeo all’Ambiente Virginijus Sinkevicius, queste restrizioni, destinate a riguardare nei prossimi anni migliaia di prodotti, “mirano a ridurre l’esposizione delle persone e dell’ambiente ad alcune delle sostanze chimiche più pericolose. Mirando a un’ampia gamma di usi: industriali, professionali e nei prodotti di consumo”.

L’Agenzia Europea dell’ambiente ha affermato che “l’azione sarà la più ampia rimozione normativa mai effettuata di sostanze chimiche autorizzate ovunque“.

Nettamente meno entusiasta risulta il mondo dell’industria, che ha commentato le prime bozze del piano e che probabilmente genererà pressioni per ammorbidire gli intenti della Commissione. Quello dei prodotti chimici è infatti il quarto settore industriale in UE, e vede tra i suoi protagonisti alcuni degli uomini più ricchi d’Europa.

I governi nazionali sembrano però in linea con la Commissione, seppur il nostro Paese abbiamo mosso delle rimostranze all’idea di abolire la plastica in PVC. Tatiana Santos, responsabile della politica chimica di EEB , ha dichiarato: “Quello che la Commissione di Von der Leyen ha annunciato oggi apre un nuovo capitolo nell’affrontare la crescente minaccia delle sostanze chimiche nocive. Questa “grande disintossicazione” promette di migliorare la sicurezza di quasi tutti i prodotti fabbricati e di ridurre rapidamente l’intensità chimica delle nostre scuole, case e luoghi di lavoro”.


Fonte: Commissione europea

 

Come possiamo aiutarti?

Formazione

Normachem offre un ampio programma di formazione rivolto alle aziende.

Vedi tutti i corsi

Servizi

Servizi completi per valutare i rischi e massimizzare la sicurezza.

Scopri di più

Contattaci

Scrivici per avere informazioni più approfondite sui nostri servizi, corsi e convegni.

Scrivici
Top