facebookiso-9001linkedinmarchiopinteresttwitter
Sicurezza aziendale

Evoluzione della Direttiva Cancerogeni e Mutageni: nuovi OEL proposti e relativi effetti sui lavoratori e sulle aziende

Riportiamo il contenuto del fact sheet della Commissione Europea

In un Fact Sheet della Commissione Europea datato 05/04/2018, è analizzata la recente proposta di modifica alla Direttiva sugli Agenti Cancerogeni e Mutageni con un focus particolare sulle possibili ricadute positive derivanti dalle modifiche proposte sui lavoratori, sulle aziende e sugli Stati membri. In questa news riassumiamo brevemente il contenuto del fact sheet.

Le conoscenze scientifiche sulle sostanze chimiche cancerogene sono in costante evoluzione e il progresso tecnologico consente di migliorare la protezione dei lavoratori. Per garantire che i meccanismi di protezione dei lavoratori stabiliti nella CMD (Direttiva cancerogeni e mutageni) siano il più efficaci possibile e che siano introdotte misure preventive aggiornate in tutti gli Stati membri, la direttiva deve essere rivista regolarmente. Per questo motivo, la Commissione ha sostenuto un processo continuo di aggiornamento della CMD per tenersi al passo con i nuovi sviluppi scientifici e tecnici, tenendo conto delle opinioni dei partner sociali e degli Stati membri. L'attuale proposta fa parte di questo esercizio di revisione continua ed è la terza dall'inizio della Commissione. Due proposte legislative precedenti sono state proposte dalla Commissione, nel maggio 2016 e nel gennaio 2017. Insieme hanno proposto valori limite per 20 agenti cancerogeni. La prima di queste proposte è stata adottata dai colegislatori come direttiva (UE) 2017/2398.

La terza proposta di revisione introduce valori limite per altre 5 sostanze:

  • Cadmium and its inorganic compounds;
  • Beryllium and inorganic beryllium compounds;
  • Arsenic acid and its salts, as well as inorganic arsenic compounds;
  • Formaldehyde;
  • 4,4'-Methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA).

Segue un riassunto dei settori coinvolti da questi agenti cancerogeni:

Agente Numero esposti in UE Settori coinvolti Effetti sulla salute
Cadmium and its inorganic compounds 10.000 Produzione e raffinazione del cadmio, produzione di batterie al nichel-cadmio, produzione e formulazione del pigmento al cadmio, produzione di lega di cadmio, placcatura meccanica, fusione di zinco e rame, estrazione di minerali metalliferi non ferrosi, brasatura con lega di argento-cadmio-argento e polivinilcloruro compounding

Carcinoma polmonare, vescica, reni e prostata

Proteinurea, osteoporosi e effetti respiratori
Beryllium and inorganic beryllium compounds 54.000 Fonderie, settore del vetro, laboratori

Cancro ai polmoni

Malattia cronica da berillio, sintomi allergici o asmatici, sensibilizzazione respiratoria al berillio, sensibilizzazione cutanea, effetti cardiovascolari, renali, epatici ed ematologici

Arsenic acid and its salts, as well as inorganic arsenic compounds;

7.900 - 15.300 Produzione di rame e zinco, vetro, elettronica e settori chimici

Cancro polmonare, cancro della pelle, fegato, polmoni, vescica e reni

Neuropatia periferica, effetti cardiovascolari e immunotossicità, alterazioni della pelle e malattia del piede nero

Formaldehyde 990.000 Produzione di formaldeide, lavori di costruzione, produzione di pelli e pellicce, pasta di legno, carta e prodotti di carta, tessile e legno e prodotti in legno, reparti di patologia e sale di autopsia

Cancro rinofaringeo, leucemia, induzione del tumore

Irritazione sensoriale, potenziali effetti precursori del cancro

4,4'-Methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA).

350 Settore della plastica Cancro polmonare, cancro alla vescica

Il rispetto dei valori limite OEL aiuta la prevenzione dello sviluppo di cancro ma anche delle altre malattie collegate all’esposizione a sostanze cancerogene e mutagene.

L’introduzione di OEL specifici per queste 5 sostanze (o famiglie di sostanze) servirà a proteggere più di 1 milione di lavoratori europei, prevenendo circa 22.000 casi malattia professionale a lungo termine. Ciò porterà sicuramente ad un miglioramento della qualità della vita dei lavoratori esposti a tali sostanze, oltre ad una riduzione dei casi di cancro collegati, ma anche ad una riduzione delle spese legata alla gestione sanitaria delle malattie professionali. Solo in riferimento alla Formaldeide si stima un risparmio nel range 1.000-5.000 miliardi di Euro (solo per la cura del cancro rinofaringeo e dell’irritazione sensoriale).

Anche per gli stati membri sono previsti dei miglioramenti, ad esempio:

  • Evitare perdite di produttività e ad attenuare i costi finanziari dei sistemi nazionali di sicurezza sociale
  • L'esistenza di OEL a livello UE fornisce chiarezza in merito ai livelli accettabili di esposizione e sostiene le autorità di controllo

L'esistenza di un OEL dell'UE elimina la necessità per le autorità pubbliche nazionali di valutare in modo indipendente ciascun cancerogeno per stabilire il proprio OEL nazionale

 

FONTE: http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-18-2661_en.htm

Come possiamo aiutarti?

Formazione

Normachem offre un ampio programma di formazione rivolto alle aziende.

Vedi tutti i corsi

Servizi

Servizi completi per valutare i rischi e massimizzare la sicurezza.

Scopri di più

Contattaci

Scrivici per avere informazioni più approfondite sui nostri servizi, corsi e convegni.

Scrivici
Top