facebookiso-9001linkedinlogo_oldmarchiopaypal-2paypalpinteresttwitter

RIFIUTO

Definizione normativa di rifiuto

Dal punto di vista ambientale il termine rifiuto ha una sua definizione ben precisa: qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o l’obbligo di disfarsi. Tale definizione richiama dunque il punto di vista del detentore dello stesso rifiuto, focalizzandosi inoltre su un concetto ben specifico: il "disfarsi di qualcosa". Questo concetto, seppur il suo significato sia stato ampiamente discusso da dottrina e giurisprudenza, costituisce dunque la condizione necessaria e sufficiente perché un oggetto, un bene o un materiale sia classificato come rifiuto.

Così come espresso nella senzenza Cass.pen. Sez.III, 21.4.2017, n. 19206è rifiuto non ciò che non è più di nessuna utilità per il detentore in base ad una sua personale scelta ma, piuttosto, ciò che è qualificabile come tale sulla scorta di dati obiettivi che definiscano la condotta del detentore o un obbligo al quale lo stesso è comunque tenuto, quello appunto del disfarsi di suddetto materiale”.

Una volta correttamente identificato l'oggetto o il materiale come rifiuto, questo dovrà essere codificato sulla base di un elenco europeo dei rifiuti (CER) e dovranno essergli assegnate le eventuali caratteristiche di pericolo pertinenti.

Come possiamo aiutarti?

Formazione

Normachem offre un ampio programma di formazione rivolto alle aziende.

Vedi tutti i corsi

Servizi

Servizi completi per valutare i rischi e massimizzare la sicurezza.

Scopri di più

Contattaci

Scrivici per avere informazioni più approfondite sui nostri servizi, corsi e convegni.

Scrivici
Top